Lavoro dipendente: è possibile opporsi al trasferimento presso un'altra sede di lavoro


#1

Il trasferimento del lavoratore, inteso come lo spostamento del lavoratore da una unità produttiva ad un’altra della medesima azienda, è regolato in maniera molto rigida dalla legge. In particolare, ai sensi dell’art. 2103 c.c., il trasferimento può essere attuato solo in presenza di “comprovate ragioni tecniche organizzative o produttive”. Presupposto della norma è che, nonostante la modifica del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa, resti invariato il datore di lavoro.


Questo è un argomento collegato all'originale su: https://www.money.it/Trasferimento-presso-altra-sede-di