Conclusione di un contratto: quando è richiesta la forma scritta


#1

Nel nostro ordinamento giuridico vige il principio della libertà delle forme per la conclusione di un contratto. I contratti, in linea generale, possono risultare da dichiarazioni espresse o possono essere conclusi tacitamente, mediante cioè un comportamento che esclude in maniera univoca, una volontà diversa. I primi, a loro volta, possono essere verbali o scritti. E’ sufficiente, affinchè il contratto sia valido e produttivo di effetti, che la volontà delle parti sia comunque manifestata. A questa regola vi sono talune eccezioni.


Questo è un argomento collegato all'originale su: https://www.money.it/Conclusione-di-un-contratto-quando