A chi verrà ridotta la pensione? La proposta per il taglio degli assegni oltre i 4.000€


#1

Come promesso il Governo del cambiamento ha deciso di tagliare le pensioni d’oro; il primo passo c’è stato lunedì 6 agosto quando i capigruppo della maggioranza alla Camera D’Uva e Molinari - rispettivamente eletti deputati per la Lega e il Movimento 5 Stelle - hanno presentato il disegno di legge volto ad introdurre disposizioni per “favorire l’equità del sistema previdenziale attraverso il ricalcolo, secondo il metodo contributivo, dei trattamenti pensionistici superiori ai 4.000€”.


Questo è un argomento collegato all'originale su: https://www.money.it/taglio-pensioni-oro-assegni-4000-euro

#2

non riesco a capire il senso di questa tabella. Se una persona è andata in pensione per vecchiaia nel 2018 alla prevista età di 66 anni e 7 mesi, perché mai dovrebbe subire una decurtazione del proprio assegno del 1,95%? Quale furbata avrebbe commesso per subire tale decurtazione? Ed ancora, perché mai la decurtazione viene applicata sull’intero assegno e non sulla parte eccedente 4.500 euro? Se una persona ha la sfortuna di avere un assegno netto di 4.501 euro allora vuol dire che a differenza di chi percepisce 4.449,99 euro sarà penalizzato per 88 euro? Ed infine, l’articolo dice che il calcolo viene fatto sulla somma degli assegni percepiti, allora mi chiedo, questo vale anche per la rendita integrativa maturata per sua intrinseca natura con i propri soldi accantonati e rinunciando a proprio TFR? Se tutto ciò dovesse essere confermato il provvedimento a mio avviso risulterebbe viziato da forte incostituzionalità, violando ogni basilare principio di legalità ed equità. Gradirei una Sua competente risposta in merito. Grazie